Etichettatura Europea dei pneumatici

L'etichettatura dei pneumatici per autovetture e veicoli per il trasporto leggero è obbligatoria dal 1 novembre 2012.

[Regolamento Europeo n°1222/2009]

Questa nuova normativa è un importante passo avanti in termini di informazione dei consumatori sui problemi di sicurezza (frenata sul bagnato) e ambientali (resistenza al rotolamento, rumore esterno). Il regolamento obbliga di fornire ai consumatori le informazioni riguardo l'efficienza in consumo di carburante, l'aderenza sul bagnato e il rumore di rotolamento esterno degli pneumatici.

Scopo della disciplina

Exemple d'étiquette de pneu

L'obiettivo di questo nuovo regolamento è di aumentare la sicurezza, l'efficienza ambientale ed economica del trasporto su strada attraverso la promozione di pneumatici sicuri ed a basso consumo di carburante, con bassi livelli di rumorosità di rotolamento. Questo Regolamento consentirà ai consumatori di fare scelte più consapevoli quando acquisteranno i pneumatici, prendendo in considerazione questi fattori insieme agli altri criteri normalmente considerati nel processo di acquisto.

Tuttavia, è importante essere consapevoli del fatto che il risparmio di carburante e la sicurezza stradale dipendono fortemente dal comportamento del guidatore. In particolare:

  • Una guida eco-sostenibile può ridurre significativamente il consumo di carburante;
  • la pressione di gonfiaggio dei pneumatici deve essere correttamente e regolarmente controllata per ottimizzare i consumi di carburante e l'aderenza sul bagnato;
  • le distanze di sicurezza dovrebbero essere sempre rispettate.

I Consumatori dovrebbero essere consapevoli che questi tre parametri, anche se fondamentali, non sono le uniche caratteristiche prestazionali degli pneumatici.

Categorie di Efficienza nei consumi

Picto consommation de carburant

La parte sinistra dell'etichetta mostra il contributo del pneumatico al risparmio di carburante ed alle emissioni di CO2.

7 categorie da G (la meno efficiente) ad A (la più efficiente)

Il risultato può variare tra veicoli diversi ed in base alle condizioni di guida, ma la differenza tra la categoria G e la categoria A con un treno completo di pneumatici potrebbero arrivare a ridurre i consumi di carburante fino al 7.5%* ed anche di più nel caso dei mezzi pesanti.

Qual è la differenza tra un pneumatico A e un pneumatico G?

La differenza di resistenza al rotolamento è significativa e rappresenta un'evoluzione tecnologica di diverse generazioni di pneumatici.

In una vettura l'impatto sul consumo di carburante tra un pneumatico A e un pneumatico B è molto importante, circa 0,5 l/100 km. Cioè circa 80 l di carburante/anno (per 15 000 km/anno).
Più di 100 €/anno per un veicolo a benzina (per un prezzo del carburante di 1,30 €/l)

Qualora l'impatto economico per il consumatore sia molto importante, l'impatto ambientale è anche superiore giacché la differenza di consumo corrisponde a 12 g di CO2 per km.

Categorie di Aderenza su bagnato

Picto adhérence

Questa tabella misura la capacità di frenata di un pneumatico sul bagnato. Vi sono 7 categorie d’efficacia che vanno da A (spazi di frenata più corti) a G (spazi di frenata più lunghi). Le misurazioni sono effettuate sul veicolo nelle condizioni stabilite dal regolamento europeo (velocità, caratteristiche del suolo, profondità dell'acqua, temperatura, ecc.).

Il grado è stato accertato confrontando la performance del pneumatico sottoposto alla prova rispetto a un pneumatico di riferimento.

Qual è la differenza tra un pneumatico A ed un pneumatico G?

Il risultato può variare a seconda del veicolo e delle condizioni di guida, ma nel caso di frenata d’emergenza, la differenza tra un treno di pneumatici identici di categoria G ed uno di categoria A può essere fino al 30% di spazio di frenata in meno (es. per una normale autovettura che viaggia ad 80km/h di velocità gli spazi di frenata potrebbero essere fino a 18 metri in meno)*.

Rumorosità di rotolamento esterno del pneumatico

Picto bruit

La rumorosità esterna dovuta al rotolamento è un disturbo notevole. La parte inferiore dell'etichetta riguarda il livello sonoro del pneumatico, emesso all'esterno del veicolo, e non il rumore percepito dal guidatore nel suo veicolo. Il numero esprime il livello sonoro in decibel.

Oltre al livello di rumorosità misurato in Decibel dB(A) un’immagine mostra se il rumore esterno da rotolamento del pneumatico supera il futuro valore limite europeo obbligatorio:

- 3 onde nere = il pneumatico più rumoroso, se è compreso in un intervallo tra il valore limite attuale e 3dB in meno,
- 2 onde nere = il pneumatico intermediose è inferiore al futuro limite per non più di 3 dB ,
- 1 onda nera = il pneumatico a bassa rumorosità, se è inferiore al futuro valore limite per più di 3dB.
Fonte: European Commission’s Impact Assessment SEC(2008)2860
*Quando misurato secondo i metodi di prova definiti nel Regolamento EC 1222/2009

Altro materiale informativo per gli utenti

Per le categorie di pneumatici destinate alle autovetture, veicoli da trasporto leggero e camion, l'informazione dell'etichettatura sarà standardizzata nella documentazione tecnica promozionale dei produttori, anche su Internet.
La stessa informazione dovrà figurare anche su (o con) la fattura di vendita dei pneumatici, consegnata all'acquirente. L'utente potrà quindi migliorare la propria conoscenza dei prodotti e confrontarli sulla base di questi criteri.

Collegamenti utili